Cosa vedere a Parigi in 3 giorni

Cosa vedere a Parigi in 3 giorni: l’itinerario di Carlo Galici

Parigi in 3 giorni è un “taglio” molto usato dai viaggiatori per visitare la Ville Lumiere.

Magari durante un weekend o approfittando di un ponte festivo, in 3 giorni riuscirai a scoprire le attrazioni e le zone più belle di Parigi.

Cosa vedrai in questi 3 giorni a Parigi? Ecco un brevissimo riassunto

  • Giorno 1: Place de la Concorde, Champs Élysées, Arco di Trionfo, Trocadero, Torre Eiffel e crociera sulla Senna
  • Giorno 2: Museo del Louvre, Montmartre e Basilica del Sacro Cuore, Moulin Rouge
  • Giorno 3: Museo d’Orsay, Quartiere Latino, Pantheon, Giardini del Lussemburgo, Saint Germain des Prés

Di cosa avrai bisogno per questo itinerario?

  • Abbonamento della metro: non avrai bisogno di nessun abbonamento per questi 3 giorni. Camminerai tanto e prenderai la metro o gli altri mezzi molto sporadicamente, per cui sarà sufficiente comprare i biglietti quando ne avrai bisogno;
  • Pass per le attrazioni: non è conveniente acquistare nessun pass per l’itinerario che ti propongo; è meglio comprare i singoli biglietti. Per ogni attrazione a pagamento trovi il calendario per comprare i biglietti e risparmiare tempo e denaro.

Giorno 1: Place de la Concorde, Champs Élysées, Arco di Trionfo, Trocadero, Torre Eiffel e crociera sulla Senna

Place de la Concorde
Place de la Concorde

Un ottimo punto di partenza per visitare la zona è partire da Place de la Concorde, dove passano le linee della metro 1, 8 e 12.

Place de la Concorde

Place de la Concorde è la piazza più grande di Parigi e connette gli Champs-Elysées con i Jardin des Tuileries e dà direttamente alla Senna.

L’attrazione principale da vedere nella piazza è l’Obelisco di Luxor, il monumento più antico di Parigi, vecchio di più di 3000 anni.

Attaccati alla piazza ci sono i bellissimi Jardin des Tuileries che meritano assolutamente una visita.

Champs Élysées

Terminata la visita alla Place de la Concorde può proseguire la visita verso i viali più famosi di Parigi.

La prima parte dei Campi Elisi è composta da una zona verde, dove nel periodo natalizio ci sono i bellissimi mercatini di Natale.

Palazzo dell’Eliseo

Una delle prime attrazioni da non perdere è il Palazzo dell’Eliseo, la dimora del presidente francese ma un tempo proprietà di Madame de Pompadour, che troverete al num. 55 di rue du Faubourg-Saint-Honoré, all’angolo con av. de Marigny. 

Normalmente non è possibile visitarlo dall’interno, però fanno eccezione le “giornate del patrimonio”, durante le quali è possibile visitare posti che altrimenti non sono accessibili.

Grand Palais e Petit Palais

Giardino del Petit Palais, Parigi
Giardino del Petit Palais, Parigi

Ritornato sugli Champs Élysées nelle immediate vicinanze ci sono il Grand Palais (attualmente chiuso) e il Petit Palais; quest’ultimo è gratuito e ospita il Museo delle Belle Arti.

Inoltre al suo interno c’è un bellissimo giardino con un caffè, per cui potrebbe essere una buona idea fare una sosta al suo interno.

Dopo queste deviazioni prosegui lungo gli Champs Élysées: qui puoi trovare ogni sorta di negozio di griffes esistenti, ci sono ristoranti stellati e altri più alla portata di tutti.

L’attrazione principale è ovviamente l’Arco di Trionfo.

Per cui prosegui a piedi in direzione Place Charles de Gaulle e sali sulla sommità dell’Arco di Trionfo: la vista da qui è davvero eccezionale, poiché sei in un punto nevralgico della città, dalla quale si dipanano a raggiera le strade principali.

Se sei amante della fotografia, questo è il posto ideale per scattare ritratti singolari della città, con la Tour Eiffel a un passo.

Inoltre nella stessa linea dell’Arco di Trionfo c’è il Grande Arco de la Defense.

Arco di Trionfo

Arco di Trionfo, Parigi
Arco di Trionfo, Parigi

È alto 51 mt e largo 45. L’Arco di Trionfo è un punto di riferimento per numerose manifestazioni parigine: ad esempio è il punto di arrivo del Tour de France ed è anche dove si tengono le più importanti parate militari.

È possibile visitare la base dell’Arco gratuitamente, ma per beneficiare di una fantastica vista sugli Champs Elysées vale la pena salire sino in cima.

Per salire puoi scegliere se fare i 284 gradini oppure utilizzare l’ascensore e fare 64 gradini per arrivare sino al top.

Trocadero

Ammirare la Torre Eiffel dal Trocadero
Il Trocadero è perfetto per scattare foto con la Torre Eiffel alle spalle

Lasciate Piazza Charles de Gaulle e dirigetevi verso il Trocadero.

Il Trocadero, conosciuto anche come Palais de Chaillot, alberga tantissime cose da fare.

Dentro il Palais de Chaillot ci sono 3 musei: il Museo marittimo, il Museo dell’Uomo e la Città dell’Architettura. Per tutt’e 3 si paga l’ingresso però i prezzi sono molto economici.

Al Trocadero da non perdere inoltre ci sono i bellissimi Giardini del Trocadero e la Fontana di Varsavia con i suoi giochi d’acqua.

Se sarai a Parigi con bambini, non esiste solo Disneyland. Infatti al Trocadero c’è il bellissimo acquario di Parigi con oltre 500 specie acquatiche da ammirare.

Inoltre al Trocadero ti ricordo che c’è il bellissimo Palais de Tokyo che ospita un museo di arte moderna e contemporanea.

Torre Eiffel

Terminata la visita al Trocadero continua la passeggiata fino ad arrivare alla Tour Eiffel e preparati a salire sul monumento più famoso della città.

Il prezzo d’ingresso è modulato a seconda del piano prescelto: io ti consiglio di salire fino in cima per meglio poter apprezzare il panorama e, magari, concederti un momento romantico sorseggiando una flûte di champagne sul monumento più famoso della città.

Se hai la possibilità economica, regalati anche una cena in uno dei ristoranti della Tour Eiffel.

Dopo la visita, scendi e concediti qualche minuto di relax al Parc du Champ de Mars, da dove potrai fare delle bellissime foto con in prospettiva la Tour Eiffel.

Per concludere la giornata ti consiglio una bella crociera sulla Senna, così potrai ammirare Parigi illuminata da una prospettiva differente.

Ci sono tante proposte, una delle mie preferite è senza dubbio la crociera di un’ora con cena a Le Bistro Parisien, che si trova proprio sulla Senna.

Biglietti necessari per il 1° giorno a Parigi

Giorno 2: Museo del Louvre, Montmartre e Basilica del Sacro Cuore

Il tuo primo giorno a Parigi è stato pieno e ricco di tante cose da vedere. Già hai visitato le attrazioni più famose come la Torre Eiffel, l’Arco di Trionfo e hai fatto una crociera sulla Senna.

Anche il secondo giorno sarà pieno di cose da visitare e iniziamo la giornata con la visita al Museo del Louvre.

Museo del Louvre

Museo del Louvre
Museo del Louvre

Il Museo del Louvre è il museo più famoso e visitato al mondo.

Al suo interno ci sono alcune delle opere più importanti e di un valore inestimabile.

Considerate le dimensioni enormi del museo è necessario pianificare con cura le opere da vedere al suo interno, altrimenti potresti passare tutta la tua vacanza parigina all’interno di questo museo.

Tra le opere imperdibili ti ricordo: La Monnalisa di Leonardo Da Vinci, La Venere di Milo, la Nike di Samotracia, La Vergine delle Rocce sempre di Leonardo da Vinci, La bella Jardinière di Raffaello e potrei continuare ancora tanto tempo.

Il mio consiglio è di scegliere con attenzione le opere che vuoi vedere e fare un percorso di conseguenza.

Ti consiglio anche di leggere la mia guida con le 10 opere imperdibili del Louvre.

La visita al Louvre ti porterà via tutta la mattina, se arrivi all’ingresso con già il biglietto in tasca.

Per cui al termine della visita puoi mangiare al centro commerciale Carrousel du Louvre, dove c’è tantissima scelta di posti anche economici dove rifocillarsi per continuare la visita di Parigi.

Finalmente sei fuori dal Louvre, adesso dirigiti verso Place de la Concorde che hai già visitato ieri. Da qui prendi la metro 12 in direzione Montmartre e scendi alla stazione Abesses, nel cuore di Montmartre.

Montmartre

Una delle pittoresche vie di Montmartre
Una delle pittoresche vie di Montmartre

La stazione della metro Abesses si trova a due passi dalla funicolare di Montmartre che ti porterà alla Basilica del Sacro Cuore.

Però prima di dirigerti lì, vicinissima alla stazione si trova il Muro dei Je t’aime, il muro dei ti amo, un’opera di Frédéric Baron e Claire Kito di 40 metri quadrati con delle piastrelle e la scritta “Ti amo” in tante lingue.

La prossima destinazione è Place du Tertre.

Place du Tertre

Place du Tertre, Parigi
Place du Tertre, Parigi

In Place du Tertre vedrai soprattutto pittori, disegnatori, turisti e, tutto intorno, piccoli negozi, e ristoranti. Di sicuro ti sarà proposto un ritratto o una caricatura, in modo molto convincente!

Pensa che in passato tra questi artisti c’erano anche Picasso e Utrillo (che nella piazza avevano anche le loro abitazioni!).

In questa piazza potrai comprare anche dei bei souvenir da portare a casa.

Terminata la visita in Place du Tertre, ad appena 200 metri si trova la stazione per prendere la funicolare di Montmartre e salire la Butte, la collina per andare a visitare la bellissima Basilica del Sacro Cuore.

Per pagare la funicolare è possibile utilizzare un biglietto qualsiasi dei trasporti pubblici o un abbonamento se ce l’hai.

La funicolare ti lascerà direttamente davanti alla Basilica del Sacro Cuore.

Basilica del Sacro Cuore

Interno Basilica Sacro Cuore di Parigi
Interno Basilica Sacro Cuore di Parigi

La Basilica del Sacro Cuore ha un’origine piuttosto recente: la prima pietra è stata posata nel 1875, ed è stata completata nel 1919.

L’interno è visitabile gratuitamente, mentre è a pagamento l’ingresso alla cupola che regala una vista sublime, essendo uno dei punti più alti della città e l’ingresso alla cripta.

È possibile fare un biglietto unico per accedere ad entrambi i punti.

Saint Pierre de Montmartre

Interno della Chiesa Saint Pierre de Montmartre, Parigi
Interno della Chiesa Saint Pierre de Montmartre, Parigi

Praticamente accanto alla Basilica del Sacro Cuore, a nemmeno 200 metri c’è la chiesa St. Pierre de Montmartre, poco conosciuta ma bellissima e che merita una breve visita.

L’ingresso alla Chiesa è gratuito e ha una storia molto più antica della sua vicina più famosa.

Immaginati che è stata consacrata per la prima volta nel 1147, quando ancora non era stata terminata.

Durante la rivoluzione francese buona parte della struttura fu distrutta.

Museo di Montmartre

I giardini del museo Montmartre
I giardini del museo Montmartre

A 200 metri dalla chiesa, continuando sempre nella stessa direzione si trova il Museo di Montmartre, più precisamente in Rue Cortot 12.

Il Museo raccoglie dipinti, fotografie e manoscritti che descrivono la storia di Montmartre: tra gli autori possiamo trovare Steinlen, Valadon, Utrillo, uno dei pochi pittori nato a Montmartre e Toulouse-Lautrec.

Da non perdere all’interno il bellissimo Giardino Renoir con il caffè.

Adesso inizia la discesa verso la parte bassa di Montmartre. Ti voglio portare nella zona di Rue Lepic dove si trova il Café des 2 Moulins, dove è stato girato il film Amelie.

Non so a te, ma a me quel film mi piace tanto, per cui tutta questa zona ha un’atmosfera magica, anche in parte grazie al film.

Il locale dista circa 10 minuti dal Museo Montmartre. È possibile anche cenare qui.

Una delle ultime tappe da vedere in zona in questo secondo giorno è il Moulin Rouge.

Moulin Rouge

Il Moulin Rouge si trova ad appena due minuti dal locale precedente.

Chi va a Parigi non può non andare al Moulin Rouge. Il famoso locale, che si trova nel quartiere a luci rosse di Pigalle, situato ai piedi di Montmartre, infatti, è una tappa obbligata.

Passare una serata al Moulin Rouge significa entrare in un mondo magico, scintillante e, soprattutto, accattivante, dove si può godere di uno spettacolo indimenticabile.

Biglietti necessari per il secondo giorno

Giorno 3: Museo d’Orsay, Quartiere Latino, Saint Germain des Prés

Parigi oltre a poter vantare il Museo del Louvre, può vantare anche un altro bellissimo museo: il Museo d’Orsay.

Museo d’Orsay

Museo d'Orsay
Museo d’Orsay

Il Museo d’Orsay è, senza dubbio, una tappa obbligata per chi va a Parigi e, soprattutto, per chi è amante della pittura impressionista e post impressionista.

Chi decide di fare una visita al Musee d’Orsay si trova davanti i più grandi maestri dell’impressionismo (Claude Monet, Paul Cezanne, Edgar Degas, Edouard Manet, Pierre Auguste Renoir) e del post impressionismo come Paul Gauguin e Vincent van Gogh.

Dopo aver terminato la visita al museo, in una passeggiata di 20 minuti arriverai alla prossima tappa: il Quartiere Latino.

Quartiere Latino

Quartiere Latino, Parigi
Quartiere Latino, Parigi

Il Quartiere Latino si estende lungo la Senna su due arrondissements (5° e 6°) ed ha come centro la prestigiosissima Università Sorbona; in questo quartiere vi sono anche i licei Henri IV e Louis Le Grand, fucina della nuova classe dirigente.

Lungo il Boulevard St-Michel, epicentro del Quartiere Latino, pullulano negozi folcloristici, fast food, negozi economici, teatri e cinema. 

Ti consiglio di iniziare il 3° giorno a Parigi arrivando nella zona della metro St. Michel-Notre Dame.

Notre Dame non è ancora visitabile, lo sarà probabilmente nel 2024.

Nelle vicinanze della stazione della metro c’è un’istituzione del Quartiere Latino: la libreria Shakespeare and Company, al 37 di Rue de la Bûcherie.

Tra gli Anni Venti e gli Anni Quaranta è diventata luogo d’incontro e confronto per grandi personaggi della cultura anglo-americana dell’epoca come James Joyce, Ezra Pound, Ernest Hemingway, Gertrude Stein, Francis Scott Fitzgerald e molti altri.

Oltre alla libreria c’è anche un caffè dove fare colazione, nel caso non l’avessi ancora fatta.

Nel Quartiere Latino si può vedere da fuori la famosa e prestigiosa università della Sorbona.

A pochi passi dall’università c’è la prossima destinazione da scoprire, il Pantheon.

Pantheon

Pantheon di Parigi
Pantheon di Parigi

Il Pantheon di Parigi è un luogo dedicato alla memoria delle donne e degli uomini che hanno fatto la storia di questa città.

Oggi, tra gli altri, ospita i resti di Pierre e Marie Curie (i fisici che scoprirono la radioattività), di Voltaire, Rousseau e Victor Hugo, tre famosi scrittori e filosofi francesi.

Il Pantheon, che si trova in Place du Pantheon, sta al centro di due attrazioni di Parigi assolutamente da non perdere: da una parte rue Mouffetard e il suo mercato a cielo aperto e dall’altra parte i Giardini del Lussemburgo.

Dopo la visita al Pantheon ti consiglio di dirigerti a fare una passeggiata ai bellissimi Giardini del Lussemburgo.

Giardini del Lussemburgo

Giardini del Lussemburgo
Giardini del Lussemburgo

I Giardini del Lussemburgo ospitano tante attrazioni interessanti, nonché qui si trova la sede del Senato Francese.

Una delle attrazioni che ti consiglio di non perdere è la bellissima Fontana dei Medici, probabilmente l’attrazione principale dei Giardini.

Da non perdere una foto con la Statua della Libertà creata da Frédéric Bartholdi, una delle due riproduzioni che si trovano a Parigi (l’altra è su un’isola sulla Senna).

Sempre nei Giardini si trova il Museo del Lussemburgo.

Uscendo dal Giardini del Lussemburgo continua la visita della zona nel quartiere vicino, la zona di Saint Germain des Pres.

Saint Germain des Prés

Saint Germain des Pres, Parigi
Saint Germain des Pres, Parigi

Questo elegante e affascinante quartiere è stato vivacemente animato nel secondo dopoguerra da alcuni dei più grandi artisti e intellettuali d’avanguardia, come Jean Paul Sartre o Simone de Beauvoir, in locali che sono passati alla storia, come il Caffè Flore e il Les Deux Magots.

L’attrazione più vicina che troverai è la bellissima Chiesa di St. Sulpice che per dimensioni, è seconda solo alla cattedrale di Notre Dame e richiama numerosi turisti non solo per gli affreschi di Delacroix, ma anche per il suo organo settecentesco.

Inoltre è diventata ancora più famosa grazie al libro “Il codice Da Vinci“.

Continua la scoperta di questo prezioso quartiere andando nella zona più centrale dove troverai le due attrazioni più importanti del quartiere.

Chiesa Saint Germain des Prés

Chiesa Saint Germain-des-Prés, Parigi
Chiesa Saint Germain-des-Prés, Parigi

La chiesa St-Germain-des-Prés è situata nell’omonimo vivace quartiere, sulla riva sinistra della Senna.

Di fronte alla chiesa si trova il Café des Deux Magots, che, come il suo vicino il Café de Flore, era il ritrovo preferito degli intellettuali come Sartre e Simone de Beauvoir.

La Chiesa di St-Germain-des-Prés è la più vecchia di Parigi. Parti di essa sono risalenti addirittura al 6° secolo.

Biglietti necessari per il giorno 3

 

Crociera sulla Senna con Bateaux Mouches!

Non perdere il più classico dei tour di Parigi.

A €15 solo online. Completamente rimborsabile!

Acquista i biglietti

Articoli simili

Le attività preferite dai lettori di ParisconCarlo.com



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *